100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: logo
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Index 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina il Progetto 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Cronologia 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Protagonisit 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Sezioni della Provincia 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Multimedia
 
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: titolo Sessa Aurunca della pagina Sezioni
 

Maria G. Lombardi
Michele Izzo
Gori Lombardi

 

 
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: Maria G. Lombardi
 

Maria G. Lombardi
Come emerge dalla biografia che gli ha dedicato Silvano Franco - fu una “protagonista al femminile” nel contesto difficile di Terra di Lavoro all’indomani della prima guerra mondiale. Era dotata di una straordinaria forza che balza in primissimo piano al Congresso di Livorno del 1921, decisa a fondare anch’essa il “partito socialista nuovo”, ossia la costola comunista che darà frutti al vecchio albero, con una influenza molto importante nel futuro della storia del nostro Paese. Fu una donna forte, molto emancipata per i suoi tempi, un vero capo. Di professione medico, e nonostante gli impegni quotidiani

100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: foto di Maria G. Lombardi

imposti dalla sua professione in una terra difficile, svolse una attività politica intensa, schierandosi sempre dalla parte delle classi più deboli. La questione contadina costituisce la bandiera attorno a cui si ritrovano tutti gli oppressi. La lotta per la conquista delle terre è il filo rosso che lega le speranze rivoluzionarie che segnano il cosiddetto “biennio rosso” (1919-1920) al movimento democratico, che nel dopoguerra si organizza nel Sud e dà vita ad epiche battaglie per dare la terra a chi la lavora. Dopo la liberazione dal fascismo tornò alla politica partecipando alla costituzione del PCI. Sia nella fase socialista che poi la sua azione politica è stata sempre legata all’idea di una “sinistra rivoluzionaria”. Infatti, operai e contadini costituirono sempre il centro dell’attenzione e dell’impegno di Maria Lombardi fino al declino della questione contadina negli anni ’60, non solo nella zona aurunca ma in tutto il Mezzogiorno. Dai documenti emerge la dimensione sociale del suo profilo, del suo impegno costante su tematiche e questioni di carattere storico e politico di portata nazionale.
Fu protagonista di una lotta convinta a fianco dei bisognosi e dei meno abbienti: i

braccianti del malsano «Pantano», ad esempio, contro i sontuosi padroni del latifondo. Nasceva così, spontaneamente, da una opzione sociale, la sua parabola politica, da “pasionaria”, delegata casertana per il Partito Socialista Italiano, al Congresso di Livorno del 1921. E da lì uscita fuori, su posizioni ancor più radicali, a fianco di Bordiga e Gramsci, come co-fondatrice del Partito Comunista d’Italia assumendo il ruolo di segretaria della Federazione di Terra di Lavoro. Per partecipare tanti anni più in là, dopo il blackout del fascismo e della Seconda Guerra, alle battaglie sindacali ed alle vicende operaie dei primi anni ’50. Fu un personaggio affascinante, complesso ed anche scontroso, difficile da domare. Muore il 20 maggio del 1963.
Fu una delle poche donne che riuscì a laurearsi nella Facoltà di medicina della Federico II a Napoli. Esercitò per lunghi anni la professione di medico condotte in varie frazioni del sessano e dintorni. Fu molto attiva nella cooperazione per le classi meno abbienti. Partecipò in modo attivo alla scissione del PSI e si impegnò nella organizzazione del nuovo partito comunista, fino a diventarne il 12 giugno 1921 segretario della Federazione provinciale di Terra di Lavoro. A causa del suo carattere ribelle alla fine dello stesso anno fu espulsa per indisciplina. Dopo il crollo del fascismo si riaffacciò alla vita politica e nel 1944 (insieme con Gori Lombardi, Ugo Paparelli e Michele Storace fu tra i fondatori della sezione comunista di Sessa Aurunca. Nelle elezioni amministrative del 1952 venne eletta consigliere comunale della sua città nella lista del PSI, sempre a fianco delle lotte per il miglioramento delle condizioni di vita delle classi operaie e contadine (come nel caso della vertenza dei braccianti per il rimboschimento del Monte Massico, insieme con altri compagni storici come Pietro Bove, G. Ciriello, Vito Longo, R. Laurenza e S. Martino). Nonostante la sua vita travagliata bisogna riconoscere che svolse un ruolo di primaria importanza in piena epoca fascista, con scelte politiche coraggiose in aperta rottura con i tempi e le con l’ambiente in cui visse. Può essere considerata una figura ante litteram del movimento femminista.

 
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: Michele Izzo
 

Michele Izzo di Carano di Sessa
Giuseppe Capobianco, nel ricordare la sua figura, usa parole che tendono al lirismo al fine di comunicare quanto questo uomo, semplice lavoratore, abbia inteso dedicare la sua vita al riscatto delle classi subalterne di Terra di Lavoro, profondendo il suo costante impegno nel territorio sessano già dal 1920. Izzo seppe far intendere agli “intellettuali per vocazione” che non bisognava cullarsi su un passato di lotta alla resistenza e vivere di rendita su di esso. Per lui anche la lotta resistenziale era stata un grande momento di sofferenza, ma essa costituiva il preludio per le grandi lotte contadine, già iniziate nel 1920, da intraprendere dopo gli anni del fascismo ancora con maggiore vigore, spirito di sacrificio ed abnegazione “per intaccare nelle campagne i rapporti di proprietà e di produzione e conquistare così una nuova coscienza e una maggiore autonomia delle masse contadine”.

 
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: Gori Lombardi
 

Gori Lombardi
Era nato a Sessa Aurunca l’8 luglio 1916, riuscì ad entrare in consiglio provinciale nel 1964, tentando senza successo di diventare parlamentare della Repubblica come Corrado Graziadei nel cui collegio fu candidato nel 1958 e nel 1963. Poteva ancora dare un contributo rilevante all’emancipazione delle lavoratrici, ma mancò a soli 49 anni il 23 marzo 1966. Fu uno dei più importanti protagonisti della storia del Pci casertano. I contadini che avevano avuto assegnate le “quote” del terreno bonificato entrarono in conflitto con la politica agraria del regime. Nel dopoguerra le lotte dei “quotisti2 continuarono e a dirigerle fu proprio Gori Lombardi, che fondò la locale sezione del PCI a Sessa Aurunca nel 1944. Egli ebbe anche un ruolo di primo piano durante le occupazioni di terra del 1945 a Carinola. Poi ebbe modo di partecipare alla scuola quadri del PCI.
Anche lui entrò in contrasto con le tendenze personalistiche del dirigente De Andreis e venne gradualmente emarginato dai compiti di direzione all’interno del partito, come capitò a molti altri. La sezione comunista di Sessa Aurunca venne ricostruita il 19 febbraio 1944 da Gori Lombardi, insieme con altri militanti comunisti che avevano combattuto clandestinamente nella zona sessana, come Corrado Graziadei e Benedetto D’Innocenzo avevano fatto nell’agro caleno, così come il professore Alberto Iannone e i compagni di Capua, Antonio Marasco fu fondatore del movimento operaio a Piedimonte Matese e Leopoldo Cappabianca a Santa Maria Capua Vetere. Nella riunione del 19 febbraio, Gori Lombardi fu eletto all’unanimità segretario della sezione comunista di Sessa Aurunca e partecipò alla svolta di Salerno, diventando altresì delegato al primo congresso della federazione comunista campana del 27 febbraio 1944.