100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: logo
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Index 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina il Progetto 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Cronologia 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Protagonisit 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Sezioni della Provincia 100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: link alla pagina Multimedia
 
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: titolo Marzano Appio  della pagina Sezioni
 

Luigi Paolino

 

 
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: Luigi Paolino
 
100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: Luigi Paolino

Luigi Paolino
Marzano Appio 14/08/1923 – Vairano P. 01/03/1972

Figura di riferimento per il PCI nella zona dell’Alto casertano, già dal primissimo dopoguerra militante attivo del partito. Partecipò in prima persona alle lotte contadine che ebbero luogo nel 1949, in particolare nella zona di Cancello ed Arnone. Nel Gennaio del 1950 fu ispiratore ed organizzatore materiale di uno dei primissimi “scioperi al rovescio” della provincia e, per tale azione, scontò circa sei mesi di carcere con l’accusa di istigazione a delinquere.
Lo sciopero coinvolse circa 20 persone, le quali, in maggior parte braccianti disoccupati, si attivarono per canalizzare l’acqua di una antica fonte in località “Vallo di Marzanello”, nel Comune di Vairano Patenora, fino al centro abitato non ancora provvisto di tale servizio.
A Seguito dell’appello di Stoccolma si prodigò sul territorio per la raccolta firme contro le armi atomiche.

Nel novembre del 1950 fu cooptato nel Comitato Federale Provinciale del Partito ed inserito nella Commissione d’organizzazione.
Nel 1951 fu inviato dalla Segreteria Provinciale alla Scuola Centrale quadri “A. Marabini” di Bologna, dove affinò le sue già spiccate doti comunicative.
Le prime elezioni amministrative provinciali lo videro candidato nel Collegio Mignano-Roccamonfina tra le fila del “Fronte democratico Popolare”, esperienza bissata nel 56 con la lista “Rinascita” e poi sempre riconfermato con il PCI fino al 1964.
Nel 1963 ricoprì, per circa un anno, la carica di consigliere provinciale a seguito dell’elezione in Parlamento di alcuni compagni di partito.

A livello comunale, fino agli inizi degli anni ’70, fu “bandiera della sinistra” e voce instancabile delle istanze popolari e dell’interesse comune.
La sua generosità di uomo non gli fu restituita dalla vita, la perdita infatti di ben tre figli a poca distanza l’uno dall’altro contribuì non poco a minare la sua salute. Egli culminò tragicamente la propria esistenza il primo marzo 1972, accompagnato per il suo ultimo viaggio dalle bandiere rosse al vento.

Alberto Paolino

100 anni PCI in Terra di Lavoro 1921-2021: foto del funerale di Luigi Paolino

Fonti Documentali:
Fondo Peppino Capobianco – Archivio di Stato Caserta;
Corrispondenza privata 1951.
Fonti fotografiche:
Archivio Privato Alberto Paolino
Fonti orali:
Intervista Prof. Carlo De Cesare;
Memorie Mariano Paolino.